.
Annunci online

alsom
IL BLOG DI ELI & PIER
25 settembre 2008
CIAO MAURO

Mauro n'Trapani
poesia di Vito Blunda

 

Dù nòstru paìsi, tùttu sapìa,
ci vìnni, ci stèsi e prèstu capìu
còmu ‘sta gènti aiutàri putìa...
pigghiàu lu sò còri e ni lù rapìu.

Cù l'òcchi e cà vùci, parlàva
e tànti còsi, nì fìci capìri, 
‘a màfia, ‘st'ìsula cumannàva...
e a tutti ni vulìa, ‘nto sò putìri.

‘St'òmu, vòsi pùru cunfirmàri,
còmu canciàri, ‘sta tèrra si putìa,
'nta telivisiòni si mìsi a parlàri...
di tànti 'mbrògghi e di cu lì facìa.

Facìa dumànni, dàva la mànu,
avìa capùtu chì purtàmu ‘sta crùci, 
picchì ùn vulèmu, o ùn ni firàmu... 
a tagghiàrici, a ‘stu mòstru, li rarìci.

Cu malaffàri stànnu cumpariàti:
pulìtici, duttùra e dilinquènti,
jùrici, raggiunèri e avvucàti...
pi strùggiri, la nòstra mègghiu gènti.

‘A fòrza r'ìddru, ni rapprisintàva,
sùlu ‘stà lùci, avìamu ‘nta la nòtti.
Sènza chi nùddru, si l’immagginàva...
sparàru ò scùru, ‘sti malacunnùtti!

Ni l'arrubbàru, u vintisèi sittèmbri,
du mìlli novicèntu ottànt’ òttu.
C'u vòsi bèni, u pòrta ‘n còri sèmpri...
e di dra nòtti, ùn pò scurdàri u bòttu.

Tànti chiancèmu e tànti fistiggiàru,
‘stu grànni fàru, ni vòsiru astutàri,
‘sti miciddàri arrè s'organizzàru...
niàtri, turnàmu vàrca, ‘n tìntu màri.

Dòpu vint'ànni, nùddru sàpi ancòra
cu li mannàu e cu, lu vòsi mòrtu,
speràmu chi cu cèrca, p'accomòra...
fa tràsiri ‘sta vàrca, rìntra u pòrtu.

 

 

 

 


 

Del nostro paese, tutto sapeva,
ci venne, ci rimase e presto capì
come questa gente poteva aiutare...
prese il suo cuore e ce lo aprì.

Con gli occhi e con la voce, parlava
e tante cose, ci ha fatto capire,
la mafia, quest’isola comandava...
e a tutti ci voleva in suo potere.

Quest’uomo, ha voluto anche dimostrare,
come cambiare, questa terra si poteva,
ln televisione si mise a parlare...
di tanti imbrogli e di chi li faceva..

Faceva domande, dava la mano,
aveva capito che portiamo questa croce,
perchè non vogliamo, o non ci riusciamo...
a tagliare a questo “mostro” le radici.

Col malaffare ci stanno insieme:
politici, medici e delinquenti,
giudici, ragionieri ed avvocati...
per distruggere la nostra gente migliore.

La sua forza, ci rappresentava,
solo questa luce avevamo “nella notte.”
Senza che nessuno, se lo immaginava...
spararono al buio, quegli assassini.

Ce l’hanno rubato, il ventisei settembre,
del mille novecento ottant’otto.
Chi lo ha amato lo porta in cuore sempre...
e di quella notte, non dimenticherà lo sparo.

Tanti piangemmo e tanti festeggiarono,
questo grande faro, vollero spegnerci,
Quei delinquenti si riorganizzarono...
noi, tornammo “barca nella burrasca”.

Tanti piangemmo e tanti festeggiarono,
questo grande faro, vollero spegnerci,
Quei delinquenti si riorganizzarono...
noi, tornammo “barca nella burrasca”.

Dopo vent’anni, nessuno ancora sà
chi li ha mandati e chi, lo volle morto,
speriamo che chi indaga, per ora...
faccia entrare questa “barca”, dentro il porto.




permalink | inviato da alsom il 25/9/2008 alle 13:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte




IL CANNOCCHIALE